Gamelab Barcellona apre le sue porte agli eSports

Il Gamelab Barcellona 2017, il Congresso Internazionale dei Videogiochi, apre le sue porte all’ e-sport. Questo nuovo segmento dell’intrattenimento interattivo, che si è convertito in uno spettacolo seguito in diretta da milioni di persone su Internet, sarà sotto i riflettori del Gamelab insieme allo sviluppo dei videogiochi tradizionali.

L’evento, che si terrà dal 28 al 30 giugno 2017 presso l’ Hesperia Tower Hotel e che prevede di riunire tra gli 800 e i 1.000 partecipanti, conterà ancora una volta sulla presenza dei grandi colossi del settore dei videogiochi.

Quest’anno il Gamelab vedrà la presenza di ospiti come Fumito Ueda (creatore di “The Last Guardian”, “Ico”, “Shadow of the Colossus”), Richard Garriott (padre del genere “massive multiplayer role” e creatore di “Ultima”), Phil Harrison (co-fondatore di “Playstation”) e Sam Lake (scrittore della saga “Max Payne”).

Anche il segmento degli e-sport conterà sulla presenza di importanti guests stars. Tra questi il fondatore dello studio “Supercell” e creatore di “Clash Royale”, Mikko Kodisoja; il vicepresidente di Activision Blizzard e responsabile della compagnia e-Sports division, Mike Sepso; il direttore esecutivo di e-sport e Intersport alla Robert Morris University, Kurt Melcher.

Durante la conferenza si parlerà inoltre del futuro dei videogiochi: i relatori spiegheranno come aggiungere nuove esperienze alle piattaforme esistenti, mondi virtuali e realtà virtuale, ha spiegato il direttore di Gamelab, Ivan Fernandez Lobo.

Gli ESports sono competizioni “on line” di giochi come “Fifa”, “League of Legends” o “Dota 2”, che a loro volta possono essere seguiti in diretta da qualsiasi dispositivo grazie a piattaforme come Twitch.

L’industria fatturerà 700 milioni di euro quest’anno, e cresce del 50% ogni anno. In realtà, saranno uno sport dimostrativo ai Giochi Asiatici di Jakarta 2018 e di Hangzhou 2022. Considerata la loro crescita, il Segretario delle Telecomunicazioni della Generalitat, Jordi Puigneró, ha annunciato di aver creato un gruppo di lavoro per analizzare questo nuovo settore.Ha inoltre aggiunto che è in fase di studio la creazione di “una squadra catalana e-sport” in grado di competere a livello internazionale e di “promuovere un campionato catalano di e-sport”.

Secondo dati Devicat, l’Associazione Catalana di sviluppatori di videogiochi, l’industria del gioco ha circa 120 aziende in Catalogna, che rappresentano il 25% del settore in Spagna. A livello di fatturato, tuttavia, raggiungono il 40% del totale.
Le imprese catalane impiegano direttamente 1687 professionisti del settore e indirettamente oltre 3.000.

Be the first to comment on "Gamelab Barcellona apre le sue porte agli eSports"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*